Starry Night, un pizzico di Van Gogh su Second Life

Un certo Robbie Dingo ha ricreato in 3D su Second Life la famosa opera di Van Gogh “Starry Night” (Notte stellata). Nel video che segue è un esempio di machinima, ossia l’utilizzo di scene dei videogiochi per creare un film.
La colonna sonora del video è “Starry, Starry Night” di Don McLean, e a vedere il video viene quasi (almeno a me) la pelle d’oca.
Avrei voluto visitare quel posto, ma l’autore dopo aver compleato il tutto, così come lo ha creato lo ha distrutto.

[via: InformationWeek]

7 Risposte

  1. Wow: l’effetto finale del personaggio che entra nel quadro è stupendo!

  2. Semplicemente favoloso, ogni parola è superflua

  3. E’ un dio.

  4. spettacolare!!!!

    ps: ma il sw era blender per caso?

  5. ma quell’editor esiste direttamente su second life? Perdonate l’ignoranza ma non so di preciso come funziona la cosa .

    Ciao ciao

  6. @ Luca: penso che l’autore abbia comprato un’isola e abbia costruito il paesaggio :) .

  7. Bellissimo.
    Dai comandi il software sembra molto Sketchup

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: