Laptops costosi: bene Linux, male Vista

Quest’anno c’è stato un grande successo per i laptop – ed in generale, per i PC – a basso costa. Il problema che tutta via è sorto è che mentre grazie a sistemi GNU/Linux spesso le aziende e i privati riescono a mantenere elevate prestazioni a prezzi ragionevoli, potendo risparmiare sul costo del sistema operativo e dare maggior rilievo alla componente hardware.
Se però il sistema operativo si chiama Vista, come potrete ben capire, il discorso cambia.
Questo è quanto si evince da questo articolo di eWeek.
Considerando che alcune aziende, come l’HP, si stanno ormai chiaramente concentrando moltissimo nell’ambiente portatile rispetto ad altro hardware, penso che la situazione sia da prendere al volo ed invitare altre aziende a seguire DELL nella distribuzione di notebook con sistema GNU/Linux preinstallato.
Speriamo quindi nella diffusione di altri articoli come Dell inizia oggi a vendere PC con Ubuntu 7.04, e che si muova qualcosa anche per i PC fissi.

Annunci

L’Italia esclusa dal contest per Android

Google ha proposto un contest per la migliore applicazione per Android; questa verrà finanziata con una somma pari a 10 milioni di dollari. Riporto però qualche riga – estratta dalle FAQ del concorso – che potrebbe interessarvi:

Who’s eligible to participate?
* The Android Developer Challenge is open to individuals, teams of individuals, and business entities. While we seek to make the Challenge open worldwide, we cannot open the Challenge to residents of Cuba, Iran, Syria, North Korea, Sudan, and Myanmar (Burma) because of U.S. laws. In addition, the Challenge is not open to residents of Italy or Quebec because of local restrictions.

Di che tipo di local restrinctions si tratta?

Niente driver 2D per RadeonHD stabili per quest’anno

Il team di Novell che si sta occupando dello sviluppo dei driver a partire dalle specifiche GPU rilasciate da AMD (cfr. Specifiche GPU per chip RV630 e M56 disponibili su Internet ) ha affermato di essere indietro con i lavori e il rilascio per la versione stabile dei driver per le RadeonHD slitterà al 2008.

Il team tuttavia si è comportato abbastanza bene finora, ed infatti il ritardo sembra essere dovuto piuttosto a rallentamenti in casa AMD (non chiedetemi di che tipo).

L’importante – e confermo quanto già detto in altre occasioni – è che abbiamo le specifiche e, di conseguenza, siano state spronate altre aziende a rilasciarle.

[via: Phoronix]

Google annuncia il suo OS mobile open source

Si chiama Android, ed è il sistema operativo mobile ed open source che Google sta sviluppando.
Google si limiterà al software; il sistema operativo girerà infatti su cellulari Motorola, HTC, Samsung, e LG. Il “googlefonino”, alla fine, sembra essere arrivato e, soprattutto, è open source. Ecco un video di introduzione ad Android:

[via: ArsTechnica]

Fine settimana con la comunità di Ubuntu [Open Week]

Questa settimana si è svolto l’Ubuntu Open Week. Si tratta di una serie di incontri la cui partecipazione è aperta a tutti. Ogni giorno ci sono interessanti argomenti all’ordine del giorno in cui si pò parlare non solo con la comunità di tutto il mondo di Ubuntu, ma anche con alcuni tra i più importanti siluppatori di Ubuntu.

Il fuso orario non è molto favorevole a noi, perciò considerato che il fine settimana si va a dormire tardi, e considerando le al quanto uggiose giornate autunnali, potete dare un’occhiata al calendario e vedere quali programmi sono in lista, in modo da potervi partecipare.
Le discussioni si terranno nel canale #ubuntu-classroom sul server irc.freenode.net.
Potete consultare le discussioni delle precedenti sessioni nella pagina dedicata ai log.

Un BIOS Open Source per le GPU ATI

AMD fa sentire ancora la sua voce a favore dell’Open Source. Dopo il primo rilascio per le specifiche per i driver dei chip RV630 e M56, adesso l’opera di reverse engineering si fa più “ambiziosa”.

Continua a leggere

Come Dell e Ubuntu stanno “aiutando” GNU/Linux

Dell è un’azienda che da più di 8 anni sviluppa, testa e vende GNU/Linux, probabilmente pochi sono a conoscenza di questo fatto; quasi tutti gli appassionati del sistema operativo libero, invece, sanno che da qualche mese la stessa azienda ha iniziato a vendere PC con Ubuntu preinstallato. Su questo ed altri argomenti si discute in questa intervista a John Hull, manager del Linux Engineering team alla Dell.

Queste parole possono sembrare una semplice esaltazione di Ubuntu come una delle migliori distribuzioni; dietro queste parole, invece, c’è molto di più.

Come viene detto nella stessa intervista, mentre prima del lancio di PC con Ubuntu preinstallato, i produttori hardware non rispondevano positivamente alla richiesta da parte della Dell di driver per GNU/Linux, adesso le cose sono cambiate, e i produttori si lasciano convincere più facilmente.
Vi invito alla lettura dell’intervista.

[via: Slashdot]